Malacarne
Malacarne
malacarneT
www.malacar.net
Barassociazione Culturale
   Chi siamo      News     Eventi     Links     Contatti
Via San Vitale, 14/a - Verona
Tel. 340.2518379

Eventi


23-03-2012
(bar)associazione Malacarne
Venerdì 23 marzo, inaugurazione della mostra "QUADRITOS" di Brunella Tegas.

Ogni fotografia un viso.
Ogni viso una storia.
Una storia personale, intreccio di azioni,
pensiero, emozioni e scelte,
e una storia pubblica perché nel mondo, da sempre,
si vive in relazione agli altri.

Non è la notorietà di questi volti
che mi spinge a sceglierli,
ma la storia delle loro vite.
Storie narrate, lette, cantate,
o giunte fino a noi con i mormorii
dei nostri nonni...

La memoria non è statica
non può starsene rinchiusa nei libri e nei musei.
La memoria è una pratica
attiva e poetica.

26-02-2012
Un Aperitivo Solidale per Medici Senza Frontiere
Aperitivo di sostentamento dove interverrà l’operatrice umanitaria Laura Latina che porterà un contributo di testimonianza sulla sua partecipazione a progetti umanitari con Medici Senza Frontiere in qualità di ostetrica in Burundi, Malawi, Sud Sudan e Kenia.
Per l’occasione verrà allestita una mostra fotografica e un desk
informativo con materiale informativo e merchandising solidale.

13-01-2012
Aperitivi musicati
malacarne records e malacarne barassociazione culturale
presentano gli aperitivi musicati del venerdì
con vini vinili e leccornie a macca

14-11-2011
Dirty Armada
Claudio Rocchetti (avant-garde hero) presenta il suo libro raccolta di loghi di gruppi metal italiani. A rendere ancora più sgradevole l'evento la presentazione sarà accompagnata da una selezione musicale curata per l'occasione. Per gli amanti del genere imperdibile!

13-11-2011
Lo sbarco
Proiezione del film documentarrio "lo sbarco" di Adonella Marena e Dario Ferraro. Sarà presente l'attivista politico ideatore del progetto Andrea De Lotto.

Il 25 giugno 2010 partiva da Barcellona per Genova la “nave dei diritti”, con mille italiani a bordo.

Uno sbarco in senso inverso dei nostri concittadini residenti all’estero, indignati per la deriva del loro paese.

Info: <a href="mailto:film@losbarco.eu" target="_blank" class=link>film@losbarco.eu</a> <a href="http://www.losbarco.eu" target="_blank" class=link>www.losbarco.eu</a>

20-04-2011
A memoria d'arte - gli itenerari della resistenza - collettiva d'arte
Osteria ai Preti
lun/sab 10-02
via Interrato Acqua Morta, 27
inaugurazione martedi 12 /04 ore 19.00

Osteria La Carega
lun/sab 10-02 /dom. 11-24
via Cadrega,8
mercoledi 13/04 ore 19.00

Libreria Pagina 12
Corte Sgarzerie, 6/a
inaugurazione giovedi 14/04 ore 17

Osteria Vecia Veronetta
lun/sab 17-02
via Scrimiari, 47-49
inaugurazione sabato 16 ore 19.00

Malvaira Blu Bar
lun/ven 7-21- sab/dom 8-13.30
via Marsala, 2
inaugurazione lunedi 18 ore 19.00

Malacarne
lun-dom 18.00-02.00
via S.Vitale,14
inaugurazione mercoledi 20/04 ore 19.00

Pink
lunedi- sabato 16.00- 19.00
via Scrimiari 7/a
inaugurazione venerdi 22/4 ore 19.00

Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea
9-12 merc/ven- 15.30-18.30 mart/ven
via Cantarane,26
inaugurazione lunedi 25 /04 ore 14.00

Capoverso -ciberia (libreria Gheduzzi)
mart.-giov. e dom. 9-21 / ven-sab. 9-24
corso S.Anastasia,7- vicolo Raggiri,5
inaugurazione martedi 26/4 ore 19.00

15-04-2011
Andrea Lucatelli e Marco Raffaini. E Bombatomica. Ore 19.
Marco Raffaini vive a Bologna, ma è originario di Roncocampocanneto. E' emiliano per puro caso, perché il posto in cui si nasce non si sceglie, ma preferirebbe essere nato ad Acapulco, o almeno trasferirvisi in pianta stabile. E' anche uno di poche parole.

Andrea Lucatelli invece è uno che non tace mai, e per presentarsi usa espressioni del genere: "E' sempre più difficile leggere, praticamente manca tempo, trovare il tempo anche per due righi appena, così, e se ce l'hai, c'hai anche i vicini che vogliono far dormire la bambina, in Emilia adesso è pieno di condomini con dei problemi sonno pediatrici, i bambini dei vicini non dormono, in certi orari sulla via Emilia non si può leggere, i bambini devono dormire, dopo la poppata è quasi imbarazzante leggere, allora ti metti in macchina e vai a leggere a zonzo, fino al confino, e in altre regioni, ma anche lì, cosa vuoi mai, un emiliano single a zonzo in veneto o liguria non vuoi trovarlo, uno fermo da un benzinaio a Lampugnano che ha finito da un'ora Delitto e Castigo, o su un marciapiede di Cavarzere, e non sa più che leggere, allora gli leggi quel che hai a dietro te, mentre leggi, zac c'è questo che si emoziona a sentir leggere in emiliano delle cose emiliane e gli vien fuori il suo io emiliano, che si ricorda dei suoi bisnonni che per allontanare dalle stalle di notte gli alligatori , quelli che c'erano nel Po, il fiume emiliano che ora è pieno di siluri americani che dovevano dar da mangiare al pescatore emiliano, e invece si son mangiati tutto, le rane, le nutrie, e gli antichi alligatori, che di notte anticamente si avvicinavano alle stalle, e i mezzadri per tenersi compagnia in stalla e nei fossi cantavano e leggevano, cioè prima leggevano, poi c'era sempre uno che dirigeva e diceva prima cantiamo e poi leggiamo, o il contrario ma comunque governava la mezzadria attorno, finchè non arrivava l'alligatore nelle notti emiliane lungo le rive del Po. Poi gli alligatori son spariti ma dentro l'emiliano, nei geni c'ha questo cantare, io devo cantare, aggià cantà dice l'emiliano dop e ogm"

Mic Bombatomica farà da collante

08-04-2011
Ore 19.00, Ugo Cornia** presenta Operette ipotetiche (Quodlibet) :*
Ugo Cornia abita Modena come i filosofi greci abitavano Atene, nel senso che Modena è la sua patria, come Atene era la patria ad esempio di Diogene Cinico. E senza Modena non si sa cosa Ugo Cornia avrebbe fatto, se avrebbe mai scritto i suoi tipici e incantevoli libricini; come Diogene, che senza Atene non sarebbe stato un cinico famoso ma solo un barbone.
Qui in queste Operette ipotetiche Ugo Cornia si mette a fare dei ragionamenti partendo da una più o meno accettabile ipotesi: cosa succederebbe se Dio facesse sparire per un po’ Piazza Grande di Modena; o resuscitasse la mummia di Tutankhamon con tutti i problemi connessi; se il Dio monoteista si fosse affermato sugli antichi dèi politeisti con pestaggi indiscriminati; se Giove e Mercurio esistessero davvero e interferissero col genere umano e con le donne in particolare; se coi progressi della plastica una mucca potesse diventare una signora; se un uomo una notte andando a pisciare incontrasse in bagno suo padre morto anni prima che sta pisciando anche lui, e gli dicesse: ma non eri morto papà? cosa sei tornato a fare? e il padre gli dicesse: sono tornato un attimo a pisciare, non vedi? e il figlio: com’è papà l’aldilà? eccetera eccetera.
Come si vede sarebbe un libricino classico di filosofia, se non fosse tutto fatto di storie comiche e campate per aria, che però danno da pensare filosoficamente.

01-04-2011
Paolo Colagrande presenta "Dioblù" (Rizzoli) ore 19,15
Un paese di pianura, il ventennio nero. Il matto Dioblù se li ricorda quei mesi, ma per lui eran fatti solo di poche cose: sua nonna Giacoma che fuma le sigarette Burley alla finestra, la maestra Gorini che lo boccia perché scrive con la mano sinistra (quella del diavolo) e poi quel giorno di aprile, quando vede scritta sul muro una filastrocca che ha un ritmo bellissimo. Dioblù non sa cosa vuol dire ma comincia a gridarla per le strade, poi a scuola, e perfino in faccia a un gerarca in divisa: "Crepin duci e principati dei governi sciagurati, muoia tosto e così sia re d'Italia e d'Albania. Verrà spedito, come ribelle all'autorità patria, all'istituto di correzione San Pancrazio. Quando torna in paese la guerra è quasi finita e tutto è diverso, ma Dioblù non si preoccupa della distruzione che lo circonda perché ha trovato tra le rovine del San Pancrazio la macchina che secondo lui dovrà salvare il mondo: l'autopompa Titania...

25-03-2011
Aldo Gianolio ore 19
E’ uscito il romanzo (breve) ispirato a Farsopoli “La verità su complicato caso Pulcher”- mobydick editore- dove la Pulcher è la Juventus.

Il romanzo (breve, poco più di 100 pagine) racconta del tifoso Ottavio Fontanesi che prende coscienza della congiura che ha portato alla radiazione della sua squadra del cuore e dell’allenatore; viene a sapere la verità da un marziano onnisciente, sceso sulla terra apposta per svelargli l’intricato complotto.
Lo spunto è preso dai fatti veri legati a Calciopoli (e a Moggi, Juventus e Inter), ma il tutto viene camuffato, con i nomi cambiati, l’azione retrodatata agli anni Sessanta-Settanta e fatta svolgere in un ambiente provinciale di squadre calcistiche di dilettanti.
Il tifoso Ottavio Fontanesi, presa coscienza della tremenda ingiustizia perpetrata ai danni della sua squadra, ha un moto di ribellione anarchico che lo spinge a commettere atti terroristici facendolo finire in gattabuia. Lì, dietro le sbarre, scrive le sue memorie che intitola “La verità sul complicato caso Pulcher”.

Aldo Gianolio di Reggio Emilia; scrive come critico musicale per l’Unità e per Musica Jazz. Ha scritto altri due romanzi, “A Duke Ellington non piaceva Hitchcock” (edizioni Mobydick, 2002), vincitore del premio “Django d’Or” 2003, e “Teste quadre” (edizioni Aliberti, 2006), vincitore del .”Premio Biella – Letteratura e Industria” 2007).

16-03-2011
Ritratti (o si muore) dal vivo - ore 21
regia di Jonathan Zenti
con i contributi di: Angela, Giuseppe Casarrubea, Gipi, Isaac, El Corto, Andrea Mucca Assassina, Lega di Cultura di Piadena

(suoni quotidiani)

04-03-2011
sebastiano testini presenta sebastiano testini
andiamo è tempo di migrare verso le 19

18-02-2011
Milluminodimeno
in collaborazione con Legambiente

18-02-2011
BUFFI CARATTERI
Far ridere è cosa seria

quattro giorni di satira

14-02-2011
La città dell'amore
lettura di articoli di cronaca nera con musica
con Elena sauro, Gianluca Giusti, Michele Altobelli, Jonathan Zenti, Luca Zevio, Gianmarco Mercati, Cristina Guardini. Musiche di Alessandro Longo

12-02-2011
Blu, Sam e Cyop e Kaf
Angelo Milano (mente e corpo del Fame Festival di Grottaglie, e del laboratorio di serigrafia StudioCromie) presenta i libri fotografici dedicati ai tre artisti Blu, Sam e Cyop e Kaf.

05-02-2011
SANDRO CAMPANI
presenta
“Nel paese del magnano” (pequod)
introduce Susanna Bissoli

24-01-2011
Hobocombo
Andrea Belfi, Rocco Marchi e
Francesca Baccolini

22-01-2011
lezioni di cinismo. 4
108 live painting

31-12-2010
MAI PIU' 2010
dalle 18e30
michele bombatomica
trenomattone
dj medaina

18-12-2010
lezioni di cinismo. 3
terzo appuntamento lezioni di cinismo
SABATO 18 DICEMBRE ERUGIERY (http:erugiery.com) + DANILO QUOVADIS
CONTINUA LA RASSEGNA AMMALARTI
DALLE 18.30 ALLE 20.30 APERITIVO-PERFORMANCE DAL VIVO CON GLI ARTISTI

16-12-2010
Schifezze umane
da qui a fine anno indigestione di cinico tv nella black cube

20-11-2010
Lezioni di cinismo. 2
secondo appuntamento lezioni di cinismo
MARTA ROBERTI

05-11-2010
Caleidoscopi di voce ed elettronica
patrizia oliva

03-11-2010
Scrivo se mi iscrivo
corsi e ricorsi di scrittura creativa e ricreativa

la letteratura

continuo a guardarla
lei impassibile
non mi riguarda

28-10-2010
VENT8 8BRE
grande attesa per il ritorno del maz
l'uomo chiamato mazzacavallo
ore 22 più o men

06-09-2010
Il malacarne riapre i battenti
era la fine dell'estate duemiladieci e la città appariva più spettrale del solito
tutti cercavamo disperatamente di divertirci
quell'affannarsi dava l'idea di un massaggio cardiaco a Tutankamon
e più l'operazione appariva impossibile più il massaggio si faceva frenetico
era persino chiaro che se per assurdo Tutankamon si fosse ripreso
si sarebbe suicidato di lì a poco
a guardar tutto quanto dal tombino cosmico
non eravamo che un branco impazzito d'insetti
non restava che bermi duecento bicchieri di bonazzi
la città mi sarebbe apparsa meno ostile
con la dolcezza dell'autunno
in quella fine estate duemiladieci
avrei offerto un giro a Elso

18-08-2010
Am MALA rti
visita: <a href="http://ammalarti.blogspot.com/" target="_blank" class=link>http://ammalarti.blogspot.com/</a>

08-06-2010
Jimi santo subito!
Stasera alle 19 circa
Enzo Gentile presenta “Jimi santo subito!” ,
Shake edizioniQuarant’anni di mitologia
hendrixiana: il personaggio Jimi Hendrix e i motivi che ne hanno alimentato
la leggenda, dalle prime incisioni del 1966 fino ai giorni nostri. Simbolo
trasversale e senza età, Hendrix viene esaminato e illustrato da Gentile con
una serie di sguardi in profondità: maestro di performance dal vivo, autore
di canzoni dai testi lucidi e visionari (qui tradotti e commentati),
osannato da amici e colleghi (di cui si riportano decine di dichiarazioni) e
ricordato in una rara intervista al padre Al e alla sorellastra Janie, oggi
a capo della società che ne organizza la memoria e gestisce l’eredità.
Sfilano così il ruolo all’interno della comunità nera, i rapporti di Hendrix
con il potere e le “attenzioni” riservate da polizia e servizi segreti, la
sua icona nel campo dell’immagine, la tensione “mistica” che sprigionava il
personaggio, i contatti con i musicisti italiani durante il tour 1968.

18-05-2010
Paolo Cognetti
Paolo Cognetti (ore 22) presenta "New York è una finestra senza tende" (Laterza), sorta di
guida letterario nostalgica Dialoga con lui Beppe
Montresor

21-04-2010
Enrico Macioci "Terremoto" (Terre di mezzo 2010)
Enrico Macioci presenta "Terremoto" (Terre di mezzo 2010) alle ore 19,30.
Dieci storie, dieci racconti di fiction ma verissimi sullo sfondo del terremoto dell'Aquila che raccontano cosa può succedere alle persone in situazioni di emergenza.
Enrico Macioci scrive ogni giorno sul sito di Terre di Mezzo una cartolina dall'Aquila, dove è tornato ad abitare da pochi mesi dopo avere passato un anno fuori, in seguito al terremoto.

14-04-2010
Giorgio Fontana presenta "Babele 56"(Terre di mezzo)
56 è il numero di un autobus che percorre su e
giù via Padova, è chiamato anche "l'autobus degli immigrati" perchè
stipato di persone di tutte le nazionalità, Babele perchè si tratta di
otto storie di immigrati a Milano. Otto fermate e altrettanti volt:
Karkadan, rapper tunisino di stanza al quartiere Isola, Kamal, che in
Sri Lanka era un giocatore di cricket semi-professionista e qui è
custode in un condominio, o José, peruviano, oggi editore vicino a
piazzale Loreto... E' un reportage narrativo e canto lirico insieme:
un libro sulla città che cambia. Verrà dato spazio alla lettura di
alcune pagine, ma questo incontro è anche una bella occasione per
pensare a come dare visibilità alle persone e alle loro storie.